LIBRI SACRI

 

Se un testo è stato scritto

da gente di passate civiltà …

chi, in questo momento,

 è in grado di stabilirne l’autenticità?

E chi, eventualmente, la sacralità?

 

Logico, l’autorità!

Poiché ad essa abbiamo demandato il potere,

rinunciando al nostro,

d’affermare, inequivocabil-mente,

se quel documento, contiene oppure no,

la verità (?!)

 

L’ ‘IO’ è venuto in questo mondo  

per esercitare il proprio giudizio,

poiché quelli che non vedono vedano,

e quelli che vedono diventino ciechi.”

(Giovanni 9,39)

 

SACRUM

… “Se un libro è ‘sacro’, non è perché un’autorità religiosa lo ha dichiarato tale. È perché ha in sé un particolare potere, che i latini chiamavano sacrum, cioè ‘venerabile’ e ‘temibile’ al tempo stesso; e le autorità religiose si vedono per lo più costrette a riconoscere che un determinato libro è sacro quando in esso quel potere continua ad avvertirsi per lungo tempo … Molti preferiscono non leggere i libri ‘sacri’ e non saperne nulla in realtà, per non scuotere le proprie certezze religiose, o le proprie opinioni riguardo alle certezze religiose dei più. E il miglior modo di non sapere nulla di un libro, è credere di sapere già che cosa dica. Per sapere già che cosa dica il vangelo senza leggerlo, noi ci affidiamo a quel che ne dicono la religione e la morale cristiana, alla quale tutti, bene o male, siamo stati educati in Occidente. Pensiamo che il vangelo sia la religione cristiana; che le chiese, dato che lo proclamano sacro, lo abbiano preso come loro fondamento, con i loro papi, e sinodi, e rituali. Ma dal pensare così derivano molti equivoci. In realtà, il vangelo non è affatto un libro sacro cristiano: sia perché fu scritto diverso tempo prima che la religione cristiana si formasse (la religione cristiana si consolidò a partire dal IV secolo, i vangeli risalgono al II secolo), sia perché nel vangelo non si trova nessun argomento a sostegno del cristianesimo, né di nessun’altra religione oggi praticata. Inoltre, essere cristiani vuol dire pensare … che tutte le altre religioni abbiano torto, altrimenti si apparterrebbe ad una di esse.” …

(Fonte: Igor Sibaldi, “Il codice segreto del vangelo”. © 2005 Sperling & K. Ed., pag. 1-2, stralcio)

Riguardo all’IO … l’ultimo sofismo …

(noto col nome di “IO-nismo”)

comprenderlo non è facile, non lo nego,

specialmente se mancano le basi … sull’io/ego …

(https://amicidimauro.wordpress.com/ioego/)

 

Annunci