INVESTIGATORE

L’etimologia,

 insieme all’immaginazione ed alla fantasia,

mi hanno fornito lo spunto

per scrivere questa semplice riflessione,

da non confondere con la vera poesia …

 

Ho letto, con assoluto stupore,

che “investigatore

è colui il quale ha il compito di curiosare,

perquisire, frugare, in cerca delle prove …

che il colpevole possano inchiodare!

 

Dopo averlo trovato

“Sono”, finalmente, soddisfatto,

poiché è quello che ho fatto,

ed ora sono felice di poter lasciare l’istituzione

per la quale ho lavorato,

alacre-mente, con totale abnegazione,

indossando una maschera

che mi ha permesso di cercare, in incognito,

il vero Me stesso oltre la mente …

 

Sì, mi sono ri-trovato,

ed ora posso guardare,

serena-mente, al mio passato,

iniziando, contemporaneamente,

a vivere … beata-mente … nel presente …

impegnandomi, semplice-mente,

nel fare ciò che mi viene più naturale …

che per ME si traduce

nell’accompagnare, paziente-mente,

ogni anima adolescente nella ricerca del trascendente,

affinché quella, autonoma-mente,

possa raggiungere la maturità,

per poter distinguere, facil-mente,

la menzognadalla verità

che, per sempre, grazie a Dio, trionferà!

 —

L’ANZIANO

 Finalmente sto’ in pensione

mo me crescerà er panzone,

m’ha costretto il Capo Ufficio

con parole da Confucio.

 

Non son più di bell’aspetto

ma lo stesso gonfio er petto,

guardo il mondo e sto’ un po’ zitto

che poi domani pagherò ‘n affitto.

 

Qui al tramonto delle mie forze

mi accontento delle scorze

che so pregne de fatiche

tutte in groppa alla mia psiche.

 

Niente faccio ma so stanco

e sulle scale spesso arranco,

poro me … che so no straccio:

fa’ l’anziano

è un “mestieraccio”!

 (Pensiero d’un collega)