CANICOLA

Canicola è sinonimo di “Sol-leone

(lo so, probabilmente già lo sapevate)

ma anche di afa, intenso calore,

tipico delle più calde giornate d’estate …

Questo nome sembra derivare da una brillante stella

d’una splendente costellazione:

Sirio (Sopdet per quell’antica cultura)

I sacerdoti, consiglieri del faraone,

insegnavano a non averne paura,

l’aspettavano con ansia

(mentre pregavano con fervore)

poiché il suo sorgere eliaco

(il ritorno, la prima apparizione …)

coincideva con la stagione dell’inondazione

che in Egitto era considerata una manna dal cielo

portata dal signore …

Orione

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

12 risposte a CANICOLA

  1. gilgameshdisumer ha detto:

    Nel medioevo la Canicola iniziava il 25 luglio,
    quando la stella Sirio appariva prima dell’alba,
    dopo la lunga assenza …
    http://www.drviclasgaravatti.it/canicola-dal-24-luglio-al-24-agosto/

    Ancora oggi chiunque può osservarla
    ad occhio nudo, personalmente,
    è sufficiente sapere quando, Ella,
    ci onorerà della sua luminosa presenza …
    https://gilgameshdisumer.wordpress.com/2019/09/06/mitico-orione/#comment-3284

  2. cometeduale ha detto:

    LA COPPIA DIVINA
    Orione e Sirio.

    “La costellazione di Orione e la stella Sirio,
    erano identificate nell’antico Egitto con Osiride e Iside.”
    https://www.riccardobrunetti.it/iside.htm

    La Coppia Divina che si rinnova ciclicamente,
    tramite un processo di simbolica rigenerazione,
    (poi nominata resurrezione
    da una religione dalla discutibile verità …)
    noto, attualmente, a tantissima gente
    poiché Osiride, nel suo aspetto di Dio,
    moriva e rinasceva, risorgeva,
    resuscitava … eterna-mente …
    essendo condannato all’immortalità …
    https://astronascenteblog.wordpress.com/2017/10/27/immortalita/

    “La vetta dell’Opera, la via aurea segnata nel Cuore dall’Amore perfetto tra Orione – Sirio – Sole che schiude i cancelli dell’Infinito, l’ingresso alla Dimora più sublime.” …
    http://blog-it.theplanetarysystem.org/2015/06/20/orione-il-mistero-della-resurrezione/

    Ma certo non manca chi pensa diversa-mente …
    https://astronascenteblog.wordpress.com/2017/10/30/lei/#comment-1532

  3. cometeduale ha detto:

    Canicola=Sol-leone

    “Sfinge, direzione,
    levata eliaca, costellazione”.

    In queste poche parole c’è la soluzione
    al mistero che da millenni affascina tante persone:

    Dove guarda il grande Leone?
    http://planet.racine.ra.it/testi/leone.htm

    • gilgameshdisumer ha detto:

      Usando le tue parole ho trovato la risposta:
      “La faccia della Sfinge punta esattamente a Est, è come se volesse immortalare quell’epoca storica in cui a Est, nell’equinozio di primavera, sorgeva la parte finale del Leone e la faccia della Vergine. Ciò accade nel 10.500 a.C..”
      (Fonte: https://www.ac-ilsestante.it/storia/2016/orione/orione.htm)

      Ovviamente c’è chi mette tutto in discussione …
      https://storia-e-mito.webnode.it/products/piramidi-ed-allineamento-celeste/

      E chi, invece, invita alla riflessione …
      DUE SFINGI
      “Nella ‘Stele del sogno’, sono rappresentate ‘due Sfingi’, una che guarda ad Est, l’altra ad Ovest. C’erano dunque due sfingi sulla Piana di Giza? Il professor Zahi Hawass, Direttore di tutte le Antichità Egiziane, interpellato in proposito, ha asserito che sono stati condotti scavi senza trovare nulla, dalla parte opposta a quella della attuale Sfinge. Secondo lui, nella stele del sogno, la doppia Sfinge rappresenterebbe la ‘dualità’.”
      https://www.enricopantalone.com/LaSfingediGizaMenfi.htm

      • cometeduale ha detto:

        SOL-LEONE

        La sfinge, il grande leone,
        guarda ad est, sicura-mente,
        dove sorge il signore/padrone
        di quell’antica gente …

        Che fosse il Sole (RA),
        la costellazione di Orione,
        o quella del Leone,
        non credo … faccia differenza,
        poiché, mi suggerisce la coscienza,
        non è attraverso la conoscenza
        che ciascuno raggiunge,
        durante l’esistenza,
        la propria, divina, Essenza …

        Quindi, al di là d’ogni illusione,
        godiamo beata-mente del “Sol-leone”,
        facendo però molta attenzione alla luce,
        particolarmente potente, delle calde ore
        riparandoci, prudente-mente,
        sotto un buon ombrellone …

  4. gilgameshdisumer ha detto:

    Semplificando ancora:

    “Dal 24 Luglio al 25 Agosto la stella Canis (cane in latino) sorge e tramonta insieme al sole. Proprio per questo, il periodo più caldo dell’anno prende il nome di ‘canicola’. … Sempre nello stesso periodo, il Sole si trova nella costellazione del Leone, e per sincrasi (Sole-Leone) è nato il sostantivo ‘solleone’.”
    (Fonte: https://www.notizie.it/cosa-significano-canicola-e-solleone/)

    Ovviamente …
    chiunque potrà verificare personalmente …
    prima di credere … cieca-mente …

    • cometeduale ha detto:

      Ogni paese ha la sua storia …
      e internet ha buona memoria …

      ““U STENTISSU”,
      OVVERO UN CALDO SOFFOCANTE
      Per il particolare clima di certi giorni d’estate, quando la stagione sembra procedere fra continue incertezze meteorologiche, con l’alternarsi di sole cocente, nuvolaglia e brevi acquazzoni, la parola dialettale adatta è stentìssu. Propriamente esso sarebbe quel senso di afa soffocante che si prova in certe giornate estive quando il sole se ne sta nascosto dietro una cappa di nuvole oppure quando soffiano venti meridionali come lo scirocco e il libeccio.”
      (Fonte: https://www.cumpagniadiventemigliusi.it/index.php/astro-intemelia/404-canicola-e-stentissu)

      • gilgameshdisumer ha detto:

        M’ha suggerito un tale
        conosciuto come “Babbo Natale”
        https://astronascenteblog.wordpress.com/2019/10/28/babbo-natale/

        “Fu così che l’imperatore romano Augusto impose agli Egizi il calendario giuliano di 365 giorni e un quarto. Da quel momento, accanto all’anno ufficiale ne esisteva un secondo, detto “anno agricolo”, che non era basato sul ciclo solare, bensì secondo una stella fissa: “Sirio”. Il sorgere eliaco di questo astro, dopo circa 70 giorni di invisibilità, coincideva pressappoco con l’inizio delle piene del Nilo e quindi col Capodanno egiziano, il primo giorno del primo mese dell’inondazione. L’anno agricolo basato sulla “ascesa di Sothis” fu quindi chiamato “anno sotiaco”.
        (Fonte: http://alssa.altervista.org/Documenti/Seminari/3/02%20-%20Sirio-scienza%20storia%20e%20mito.pdf)

        La stella Sirio,
        lo sanno bene certe persone,
        appassionate agli astri ed alla religione,
        da sempre segue, docilmente, il suo Padrone …

  5. cometeduale ha detto:

    Era in questo periodo
    che iniziava l’inondazione …
    almeno secondo ciò che affermano,
    con convinzione,
    le seguenti, danzanti, persone …
    http://www.ledanzatricidiiside.com/astrologia/luna-piena-del-tuono-in-capricorno/

    • gilgameshdisumer ha detto:

      Le danzatrici di Iside?
      Interessante, sarebbe, stabilire,
      con assoluta precisione
      chi è quella dea dai mille nomi
      da cui è nata più d’una religione …

      IL CREATORE ANDROGINO.
      “Horus (il Sole?), il falco, figlio che Iside (la Luna? O la Natura?) riceve dal seme di Osiride (Orione?), è nato grazie alla forza della dea. Si tratta di un grande mistero che Iside, nel suo lamento per il marito morto, ci presenta con le seguenti parole:
      ‘Pur essendo nata donna, mi sono fatta uomo.’
      Si tratta del mistero di un femminino universale che assume in parte i tratti del grande ermafrodita alchemico, il rebis, l’essere perfetto degli inizi, il doppio che contiene in sé i due caratteri opposti, femminile e maschile. Il rebis è un essere neutro, il simbolo del superamento ideale e armonico dei contrari. Tale motivo non è per nulla estraneo alla sacralità egizia. Anzi, la prima divinità in assoluto che appare nei testi religiosi è androgina: L’ “Uno padre dei padri e madre delle madri”. Da questo Uno asessuato nacquero Shu e Tefnut, divinità portatrici degli attributi rispettivamente maschile e femminile. L’egittologo tedesco Erik Hornung scrive:
      “Il creatore è androgino, maschile e femminile, padre dei padri e madre delle madri, oppure Madre-Padre, come Echnaton definisce il suo dio Aton e come egli (…) vede anche se stesso quale rappresentante della divinità creatrice; ciò è dimostrato dai colossi di Karnak, statue nude e asessuate.”
      https://storia-controstoria.org/antiche-culture/iside-hathor-seshet/

      Iside deriva da Hathor?
      C’è chi se lo chiede …
      https://egittophilia.freeforumzone.com/mobile/d/10339373/Iside-e-Hathor/discussione.aspx?p=1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...