MUTANTE

Molto interessante, affascinante, 

a tratti anche esilarante …

la storia Egizia su uno strano Essere “mutante” …

Così, anche, è stato definito “l’eretico errante“,

raffigurato nell’arte con tratti somatici 

dalla difficile definizione,

forse perché affetto, così è stato detto,

da chi esercita quella professione,

dalla “sindrome di Marfan”,

(una malformazione

che incide sull’aspetto fisico degli umani,

determinando l’allungamento dei lineamenti 

fino a renderli apparente-mente “alieni“)

che non consente di stabilire, con assoluta precisione,

a quale genere appartengono quelle persone …

perciò, probabilmente, è stato pure ipotizzato

che egli fosse addirittura asessuato …

(così hanno giustificato

“l’inusuale” aspetto androgino del faraone)

Lui/lei era “Amen-Hotep”  IV

meglio conosciuto come “Akhen-Aton”

(“umile servitore” del dio Sole, unico Creatore)

Sicura-mente giocoso e  “spiritoso“,

egli fu promotore d’un’innovazione …

stravolgendo totalmente il mondo religioso 

e sostituendo, tra gli altri, il dio della fertilità

e della creazione (“Amon” – la Luna?),

ampliando, notevol-mente, l’orizzonte spirituale …

Fu, quella, una vera e propria sfida

diretta alla “casta sacerdotale”

(anche allora convinta, come l’odierna religione,

d’Essere la sola a conoscere la verità

sulle due forze contrapposte:

Bene (luce – Sole) e Male (oscurità – Luna)

poste alla base di un Universo in continua evoluzione …)

costretta ad abbandonare il politeismo imperante 

per lasciare il passo al monoteismo incalzante,

il culto dell’unico Dio

che adoro pure IO …

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a MUTANTE

  1. cometeduale ha detto:

    Mutante, semplice-mente,
    è colui il quale muta, continuamente …
    Cioè, praticamente, tutta la gente
    che non si fossilizza su errate certezze
    della condizionata mente …
    Specialmente
    per ciò che attiene al trascendente …

  2. L'amico Mauro ha detto:

    Un “androgino” faraone?
    Non era certo l’unico, evita di creare ulteriore confusione …
    Anche la dea egizia MUT, “la Grande Madre”,
    pare non fosse di facile classificazione…
    https://www.centroparadesha.it/ude/notiziario-sul-femminino-mascolino

    • Daniele ha detto:

      La Grande Madre?
      Pare venga adorata tutt’ora …
      anche se le sembianze
      non sono più quelle di allora …

      “Prima che le divinità maschili spodestassero la religione matriarcale, in tempi lontanissimi regnava la religione primigenia della Grande Madre. Chiamata Iside, Ishtar o Gea o con altri nomi, essa rappresentava la dea Terra con il suo duplice aspetto, uno positivo e luminoso, in quanto apportatrice di fertilità, raccolto, abbondanza, l’altro negativo e oscuro, addirittura tremendo, di dea dell’infertilità, della carestia, della distruzione. Il ciclo continuo, ininterrotto della vita, segnato da nascita, morte, rinascita oppure divenire, essere, morire. I luoghi di culto della Grande Madre in Europa e altri continenti sono innumerevoli, alcuni in superficie, altri sotterranei, perché posti a più stretto contatto con le correnti energetiche telluriche.
      Proprio dalla Grande Madre derivano le Vergini Nere, le Madonne Nere dal volto scuro venerate in molti santuari.”
      https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/macerata-loreto-pellegrinaggio-papa-francesco

  3. gilgameshdisumer ha detto:

    Grazie, con i vostri con-tributi
    abbiamo raggiunto l’apice d’UNA realtà
    https://emozionilibere.wordpress.com/2016/09/30/lapice/
    che ancora deve essere sperimentata
    da gran parte dell’umanità …
    https://emozionilibere.wordpress.com/2017/09/12/uomini-e-donne/

  4. inconoscibile ha detto:

    Bella
    questa storia sulla nostra stella,
    il dio Sole …
    (figlio … della Grande Madre … Terra)
    che avrebbe sposato la dea Luna …
    https://emozionilibere.wordpress.com/2017/06/08/myriam-e-gesu/#comment-1426

    Ho cercato su internet, puoi farlo pure TU,
    per vedere se tali affermazioni
    hanno una corrispondenza,
    la chiave di ricerca che ho usato è la seguente
    “Apostoli 12 costellazioni raggi del sole cristo gesu 13”
    ma per leggere tutte le risposte,
    ci vuole tantissima pazienza …
    https://inconoscibile.wordpress.com/?s=pazienza

  5. cometeduale ha detto:

    La cosa strabiliante è che ora tanta gente
    inizia ad interessarsi al “figlio del Sole” …
    il faraone mutante …
    colui il quale interruppe, momentaneamente,
    il culto di Osiride, figlio di RA …
    https://astronascenteblog.wordpress.com/2018/10/08/ra/
    opponendosi al potere sacerdotale,
    cui stava tanto a cuore, evidentemente,
    la divisione … tra bene e male …

    … “l faraone Amenofi 4° (Amenoter, Ka -nekhet Qaisuty, Onos nelle diverse lingue) regnò soltanto per 17 anni (1350-1333 aC) fu avversario della potente casta sacerdotale di Tebe, impose il culto monoteista del dio-sole Aton, in onore del quale prese il nome di Akhenaton (o Ekhnaton), che significa “piace ad Aton” e fece costruire una nuova capitale, Akhetaton (“orizzonte di Aton”, oggi Tell al-Amarna). Dopo la sua morte, i sacerdoti ripresero il potere e tentarono di distruggere tutte le tracce del suo culto.

    Inno ad Aton
    Tu sorgi bello all’orizzonte del cielo
    o Aton vivo, da cui nacque ogni vita
    Quando ti levi all’orizzonte orientale
    tutte le terre riempi della tua bellezza.
    Tu sei bello, grande, splendente,
    eccelso in ogni paese;
    i tuoi raggi abbracciano le terre
    tenendole strette per il tuo amato figlio.”
    (Ecco la fonte: http://www.webalice.it/gangited/Antologia/Akhenaton.html)

    • gilgameshdisumer ha detto:

      Già … l’occhio di RA … l’Onnipotente …
      notoria-mente onnisciente,
      che Tutto vede e Tutto sente …

      … “La religione egizia, nella costruzione dei suoi miti e dei suoi Dei ha sempre dato particolare importanza al Sole e alla Luna. Ne da una prova tangibile il Mito di Iside ed Osiride, in cui è rappresentata metaforicamente l’intima unione tra l’energia lunare con quella solare, che si completano in modo armonico e sovranaturale. I due occhi di Horus sono i simboli scelti per rappresentare quest’ indispensabile unione tra la parte maschile e femminile.
      Occhio destro: il Sole (l’uomo);
      Occhio sinistro: la Luna (la donna).
      (Fonte: http://soscollemaggio.com/it/akhenaton-uomo-donna-donna-sole.html)

      Un concetto già noto alla più antica gente
      che Yin e Yang l’avevano chiamati, semplice-mente
      ed il cui equilibrio consente, probabilmente,
      d’osservare il Tutto, beata-mente …
      dall’alto … d’UNA immutabile conoscenza …
      https://astronascenteblog.wordpress.com/2018/10/19/pseudoscienza/

      Dopo, ovvia-mente, che, personalmente …
      ciascuno avrà ri-trovato la propria Essenza …
      https://astronascenteblog.wordpress.com/androginia/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...